Sfide e innovazione

Osservatorio sull'economia digitale e sulla sicurezza sociale

Sfide e innovazione

Osservatorio sull'economia digitale e sulla sicurezza sociale

L'economia digitale trasformerà profondamente la nostra vita quotidiana, come lavoriamo e come viviamo.

L'Osservatorio fornirà ai membri dell'ISSA una comprensione delle opportunità e delle sfide che presenterà alle amministrazioni della sicurezza sociale.

Analizzerà questa trasformazione da due angolazioni: l'ambiente in evoluzione in cui si evolvono gli istituti di previdenza sociale e il modo in cui gli stessi istituti di previdenza sociale saranno influenzati e potranno rispondere a queste sfide.

L'ISSA ha raggruppato la moltitudine di temi legati all'economia digitale e al suo impatto sulla sicurezza sociale. Questo "sguardo al futuro" è supportato da Commissioni tecniche ISSA, risultati da Conferenze ed eventi ISSA, sondaggi sui membri, buone pratiche, revisioni della letteratura, ricerca e input di esperti esterni.

In che modo l'economia digitale cambierà l'ambiente per la sicurezza sociale?

L'automazione su larga scala della produzione e dei servizi industriali si basa sull'applicazione di una gamma di tecnologie avanzate come intelligenza artificiale, cognitive computing, big data, blockchain, Internet of Things e robotica, tra gli altri.

Sebbene molto diversificata, l'applicazione di queste tecnologie consente l'automazione - in misura variabile - di una serie di attività solitamente svolte dalle persone. Alcuni esempi sono l'utilizzo di robot sempre più autonomi nelle linee di produzione industriale, self-service gestiti da sistemi di intelligenza artificiale e veicoli autonomi. Tutti combinano tutte le tecnologie menzionate.

Mentre un'automazione su larga scala avrà indubbiamente un impatto sull'occupazione, l'implementazione di tali sistemi automatizzati è altamente complessa e potenzialmente costosa. Inoltre, questi sistemi "intelligenti" devono essere "addestrati" a scenari applicativi specifici, il che aggiunge complessità e costi. Il loro potenziale utilizzo non può coprire un ampio spettro di attività come quelle creative e analitiche (ad esempio, determinare se i sistemi software sono corretti).

Le amministrazioni della sicurezza sociale potrebbero anticipare gli impatti locali, in particolare gli scenari di disoccupazione, e promuovere la riconversione attraverso la formazione. Inoltre, la costruzione, l'installazione e la formazione di questi sistemi costituiscono esse stesse attività economiche che richiedono know-how aziendale.

Piattaforme digitali

Espandere 

Le piattaforme digitali comprendono una gamma molto diversificata di servizi emergenti e attività economiche svolte utilizzando Internet. Alcuni esempi sono Amazon e e-bay per l'e-commerce, Uber per il trasporto, Airbnb per l'alloggio e Freelancer e Upwork per il lavoro freelance.

Mentre i loro modelli di business variano (ad es. Collaborazione e condivisione vs. intermediari e così via), il crescente utilizzo di Internet e dei dispositivi mobili ha favorito la crescita di queste piattaforme in un gran numero di paesi.

Da un lato, le piattaforme digitali hanno un impatto sulle attività esistenti (ad esempio taxi, biblioteche) e spesso modificano la natura del rapporto datore di lavoro-dipendente in lavoro autonomo. D'altra parte, queste piattaforme superano le barriere personali alla partecipazione al lavoro come le disabilità motorie e rimuovono i confini geografici consentendo attività transfrontaliere.

L'emergere di queste piattaforme pone sfide per le amministrazioni della sicurezza sociale come l'iscrizione dei lavoratori delle piattaforme digitali, che possono essere difficili da raggiungere. Potrebbero lavorare a livello transfrontaliero, quindi il rispetto delle normative in materia di sicurezza sociale potrebbe essere un'ulteriore sfida. Queste sfide possono minare la capacità di tutelare i diritti sociali dei lavoratori coinvolti e anche la sostenibilità economica dei programmi.

Impatto economico

Espandere 

Il crescente impatto dell'economia digitale vedrà probabilmente cambiamenti nel capitale rispetto alla quota del mercato del lavoro, cambiamenti nell'organizzazione del lavoro, trasformazione economica e focus su nuove industrie.

Sebbene la perdita di posti di lavoro sia probabile in alcuni settori, ciò potrebbe avere un impatto sulla competitività e sulla produttività, il che significa un rallentamento della delocalizzazione e economie sviluppate più competitive.

Pertanto le stesse industrie possono perdere alcuni tipi di posti di lavoro ma ottenerne altri. È probabile che le strategie industriali dei paesi cambino per concentrarsi maggiormente sulle industrie a valore aggiunto e su quelle che rispondono alle sfide di questo secolo, in particolare il cambiamento climatico e la scarsità di risorse naturali.

È probabile che i sistemi di disoccupazione debbano adattarsi per fornire un approccio più olistico che tenga conto dell'occupazione parziale, del lavoro flessibile e delle persone che hanno numerose carriere.

Il finanziamento della sicurezza sociale dovrà essere ripensato nel contesto di questa trasformazione, comprese le idee attuali e future per adattarsi a questi cambiamenti, come il reddito di base, i benefici fissi a tasso fisso e la tassazione dei diversi mezzi di produzione.

Mentre i sistemi di sicurezza sociale continueranno a soddisfare le esigenze del ciclo di vita, le istituzioni agiranno sempre di più come catalizzatore e sostegno a questi cambiamenti e allo stesso tempo prenderanno decisioni politiche per garantire la sostenibilità e il pagamento di benefici adeguati.

L'economia digitale sta già avendo un impatto profondo sul mercato del lavoro e avrà una grande influenza sul futuro del lavoro nei prossimi decenni.

Sebbene fornirà nuove opportunità ad alcune persone, porrà sfide ad altri a causa del potenziale della tecnologia di sostituire il lavoro. I lavori altamente di routine e manuali sono messi alla prova dall'intelligenza artificiale e dall'automazione. Nel frattempo, la domanda di lavoratori altamente qualificati e lavori straordinari aumenterà ulteriormente.

La necessità di lavori non di routine poco qualificati come gli assistenti che sono difficili da automatizzare crescerà in futuro in linea con l'invecchiamento della popolazione. Sono emerse nuove forme di lavoro che consentono a molti di contribuire all'economia attraverso il telelavoro e nuove piattaforme digitali.

Questo ambiente in rapida evoluzione offre opportunità straordinarie, ma solleva interrogativi sui salari, i diritti dei lavoratori e l'accesso alla sicurezza sociale per i lavoratori coinvolti. Sono iniziate discussioni sui contributi sociali dei robot, sulla creazione di nuove categorie di lavoratori per i lavoratori basati su piattaforme e sulla natura mutevole del lavoro, tutte cose che dovranno essere risolte in futuro.

Gli amministratori della sicurezza sociale e i responsabili politici devono anticipare e adattarsi al futuro per rendere i programmi di sicurezza sociale efficienti, pertinenti e sostenibili.

Questi problemi sono sempre più in cima all'agenda di molti governi nazionali e organizzazioni internazionali. Come piattaforma di scambio per le amministrazioni della sicurezza sociale in tutto il mondo, ISSA ha la sua nicchia unica nella ricerca di soluzioni innovative.

Impatto sociale

Espandere 

L'economia digitale sta trasformando il modo in cui vengono condotte l'interazione sociale e le relazioni personali.

L'ampia gamma di nuovi social network ha un impatto enorme sui comportamenti collettivi delle società, alcuni negativi, altri positivi. Da un lato, la tecnologia abbatte le barriere fisiche e offre innumerevoli possibilità di comunicare, interagire e incontrare persone senza tener conto del loro paese di residenza, origine sociale o vincoli di tempo.

D'altra parte, la tecnologia consente all'individuo di ritirarsi in un mondo virtuale in cui a volte è difficile distinguere i fatti dalla finzione, aprendo la porta alla manipolazione. Coloro che non hanno l'accesso o la capacità di navigare nel mondo digitale stanno diventando emarginati, creando un divario digitale.

L'economia digitale vedrà cambiamenti significativi sul posto di lavoro, dove coloro che hanno meno istruzione e formazione correranno un rischio maggiore di essere costantemente messi da parte e creare uno stigma sociale e stress per l'individuo, la famiglia e la comunità. Sebbene, d'altro canto, i social media abbiano promosso una maggiore consapevolezza delle principali sfide sociali che la società deve affrontare, come la riduzione delle disuguaglianze e il sollevamento delle persone dall'isolamento o dalla povertà.

Oggi le istituzioni di sicurezza sociale devono trovare il modo di sfruttare la tecnologia per abbattere le barriere dell'isolamento, il divario digitale e mitigare l'impatto sociale dei drammatici aggiustamenti nei mercati del lavoro. Devono sfruttare la tecnologia per proteggere l'investimento sociale per tutto il corso della vita, in particolare durante la transizione chiave: dalla prima infanzia, all'istruzione, al posto di lavoro, la perdita del lavoro e il rientro nel mondo del lavoro, la malattia e la disabilità e il pensionamento.

Gli istituti di previdenza sociale devono esplorare modi per sfruttare i dati per eseguire analisi predittive dei rischi e per progettare misure di prevenzione che preserveranno l'investimento sociale. Devono identificare i nuovi rischi affrontati dall'individuo, dalla famiglia e dalla comunità per adattare il proprio programma, in un'ottica di empowerment.

In che modo l'economia digitale avrà un impatto sulle amministrazioni della sicurezza sociale?

Processi di business

Espandere 

I nuovi processi aziendali si riferiscono ai processi di back-office dei sistemi di sicurezza sociale: è tutto ciò che il cliente non vede. Coinvolge le persone, la tecnologia e le politiche necessarie per gestire le varie parti del processo: immatricolazione, riscossione dei contributi, afflussi di domande, aggiudicazione di benefici e servizi, controlli, valutazione dei risultati, gestione del processo di ricorso e la valutazione.

La capacità di elaborazione, la connettività, lo scambio di informazioni e le capacità di archiviazione sempre più accessibili consentiranno un'automazione senza precedenti delle operazioni di sicurezza sociale, analisi predittive e misurazioni di tendenze e risultati. L'intelligenza artificiale sosterrà il processo decisionale lasciando da esaminare solo il caso più complesso.

La protezione dei dati personali, l'integrità fin dalla progettazione e il giudizio automatizzato basato su regole saranno ampiamente diffusi. Lo scambio di informazioni attraverso le unità aziendali consentirà un approccio "tell-us-once". Poiché i dati sono la linfa vitale dell'organizzazione, i processi aziendali devono essere costruiti attorno a moduli che possono essere interconnessi.

Nel mondo della sicurezza sociale, queste trasformazioni richiederanno leadership e gestione del cambiamento continuo per affrontare le sfide e sfruttare le opportunità che generano. La funzione HR sarà centrale per selezionare, assumere, far crescere e trattenere personale che sia dedicato, flessibile, portatore di valore aggiunto e in grado di utilizzare al massimo le proprie potenzialità i nuovi strumenti a disposizione.

La gestione dell'identità e la conferma immediata degli eventi della vita oltre i confini consentiranno la totale portabilità dei propri diritti e benefici. Il coordinamento digitale interistituzionale abbatterà i silos e metterà le esigenze dei clienti al centro di tutti i programmi e servizi disponibili applicando regole omogenee e supportando una fornitura di servizi non-stop.

Sfruttare i Big Data

Espandere 

Big Data significa dataset molto grandi di diversi tipi di elementi (ad esempio numerici, di testo, multimediali, mappe e così via) che vengono generati molto rapidamente.

Tali set di dati vengono elaborati mediante il cognitive computing e tecnologie analitiche, che consentono la gestione di dati diversificati, trovando correlazioni e infine generando modelli predittivi per estrarre informazioni utili.

Tale elaborazione avanzata potrebbe aiutare ad affrontare le sfide sociali e globali, come la salute e la protezione sociale delle popolazioni vulnerabili.

Lo sfruttamento dei big data offre nuove opportunità agli istituti di previdenza sociale per migliorare i propri servizi ai clienti, rilevare frodi e rafforzare l'applicazione della conformità attraverso la creazione di profili di clienti "tipici".

Può migliorare la progettazione e la valutazione dei programmi sociali attraverso un'analisi incrociata della popolazione coperta con i corrispondenti dati demografici e socioeconomici.

Un'analisi dei Big Data che riflettono le attività della società (ad es. Nascite, matrimoni, lavoro, alloggio, scuole frequentate, assistenza medica e così via) potrebbe consentire alle organizzazioni di sicurezza sociale di perfezionare la progettazione del programma e la valutazione dei risultati, nonché di adattare i programmi sociali in un contesto in continua evoluzione.

Tuttavia, l'applicazione di queste tecnologie non è "plug-and-play". Richiede affrontare una serie di sfide tecniche (ad esempio la conformità con le normative sulla privacy dei dati e la valutazione della qualità dei dati), nonché una profonda conoscenza del business per identificare i set di dati appropriati e le operazioni di analisi per raggiungere gli obiettivi di sicurezza sociale.

Nuovi rischi

Espandere 

L'avvento dell'economia digitale vedrà l'emergere di nuovi rischi.

Tra questi c'è l'emergente divario digitale, in cui i cittadini che non hanno accesso o non hanno la capacità di utilizzare le nuove tecnologie, sono messi da parte rispetto al mainstream.

Altre questioni ruotano attorno alla necessità di proteggere la grande quantità di dati personali e commerciali da accessi non autorizzati. La questione della fiducia è assolutamente centrale per lo sviluppo dell'economia digitale e il rischio di una perdita di fiducia nell'archiviazione dei dati metterebbe a dura prova lo sviluppo dell'economia digitale.

Sarà necessario sviluppare nuovi modi per gestire l'identità per fornire il livello di protezione richiesto. Con l'aumento del volume e della natura potenzialmente sensibile dei dati raccolti, è essenziale guadagnare la fiducia e il consenso all'uso dei dati, riducendo al contempo la minaccia della criminalità informatica.

I programmi di previdenza sociale devono adattarsi alle nuove forme di lavoro, dove il rapporto datore di lavoro-dipendente non esiste. In assenza di questo vincolo, diventa difficile far rispettare la conformità e garantire che esista una copertura adeguata, i contributi vengono pagati e i diritti maturati. Sebbene la portata della questione sia sconosciuta, potrebbe indebolire la base finanziaria del regime a breve termine e aumentare la spesa sociale in futuro.

Sono emersi nuovi modelli di erogazione dei servizi, che forniscono accesso immediato a una miriade di prodotti e servizi.

Lo sfruttamento del potenziale delle tecnologie digitali richiede l'interazione di tre dimensioni importanti: capitale umano e intuizione per innovare, adeguate infrastrutture di informazione e telecomunicazione e disponibilità di servizi e contenuti online. Questi tre fattori sono stati identificati in letteratura come fondamentali per lo sviluppo di nuovi modelli di erogazione dei servizi relativi alla fornitura di servizi online, partecipazione elettronica, erogazione di servizi multicanale, servizi mobili e partnership innovative tra le organizzazioni.

L'accesso a Internet e ai dispositivi mobili crea un'infrastruttura virtuale che consente ai clienti di essere in contatto 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX. Le piattaforme digitali e i big data consentono la condivisione delle informazioni per supportare nuovi modelli di erogazione di servizi che soddisfano le sempre crescenti aspettative del pubblico per un accesso personale e istantaneo per soddisfare le loro esigenze.

L'economia digitale è sempre presente nel settore privato attraverso investimenti massicci e sostenuti e, cosa molto importante, grazie al consenso che la maggior parte di noi fornisce - senza nemmeno farlo consapevolmente - per l'uso dei propri dati personali.

Le immense opportunità che ciò offre alle organizzazioni di sicurezza sociale si realizzeranno solo se le istituzioni potranno accedere ai dati, proteggerli e fornire un'esperienza di servizio dimostrabilmente migliorata. Ciò sarà sia in termini di facilità di accesso, servizi di sicurezza sociale superiori, sia in termini di efficienza dei costi per l'organizzazione stessa.

"Fare di più e meglio, con meno" potrebbe essere il mantra dell'economia digitale. Le tecnologie mobili, la biometria e gli ID univoci, i big data, la gestione dei dati master, le piattaforme digitali, il cloud e i social network forniscono l'infrastruttura virtuale che consente nuovi modelli di erogazione dei servizi che soddisfano le aspettative di clienti sempre più esperti di tecnologia.

L'ampio impatto innovativo delle tecnologie digitali rende fattibile la fornitura di servizi per l'intero corso della vita e per l'intero governo, con i servizi delle agenzie pubbliche coordinate in un'unica piattaforma virtuale "tell-us-once".